Laura a San Siro…

4 06 2007

Quando vai al concerto di un’artista che conosci bene, che segui da anni, che apprezzi e ammiri dall’inizio della carriera, pensi che in fin dei conti sai quello a cui stai andando incontro…
Poi ci pensi meglio, e immagini, mentre sei in macchina verso San Siro: pensi che sarete in 70.000, che ci sarà un palco enorme, che tu a San Siro hai visto altri, hai visto in ultimo gli immensi, gli U2, e ti chiedi…

Laura a San Siro? Un sogno, chissà come andrà… Poi piove, e ti fai venire tutti i dubbi che Lauretta stessa ha condiviso con i suoi fan tramite il suo forum… Pioverà, magari in molti non verranno, o si dovrà interrompere il concerto…

Però dura poco, perché appena metti piede a San Siro, vedi il palco, e ci immagini Laura sopra, ogni dubbio sparisce: Laura un palco cosi non solo lo regge, non solo lo distrugge, perché lei live è immensa, ma in tutto questo stadio non ci sarà un posto vuoto. E te ne convinci perché ti rendi conto in quel momento che sarà un evento, perché dal terzo anello senti già i cori, e sono solo le 5… Perché vedi gli striscioni, e senti che c’è tensione tra chi Laura la segue da anni, e vede quel traguardo come un po’ anche suo… Dopo anni in cui l’essere Pausiniani ha esposto a critiche, a prese in giro… Però intanto a San Siro c’è lei, e sarà pieno, e quando inizierà a cantare ci sarà un gran botto, si che ci sarà…

Passano le ore, aspettando, con la pioggia che va e viene, e lo stadio che si riempe. Tommy Vee fa passare un po’ di tempo piacevolmente, e si cerca di immaginare l’inizio, e soprattutto si spera sul versante meteo, nel prato sono già lavati alle 8…

Si inizia con i riti degli ultimi minuti, parte la ola, al primo, al secondo e al terzo anello, una, due, tre volte, e ancora.
Poi alle 9.10 passa un elicottero sopra lo stadio, ha smesso di piovere, la band si schiera, e si aspetta con ansia…
Puntualissima alle 9.15 Laura salta fuori con l’effetto ascensore, e, sulle note di Io Canto arriva il botto, eccome se arriva…

Dedica il suo concerto alla nonna, alla sua fan Antonella, cosi barbaramente uccisa, alle donne che hanno due palle cosi, perché su quel palco sente tutta la responsabilità di essere la prima donna a cantare in uno stadio, di essere italiana, e sa che quel concerto lo vedranno nel mondo…

Lauretta è scatenata, però anche emozionata, in fondo è sempre San Siro, e subito vuole sentire le nostre voci, e tutti e 70.000 rispondono… Il look è molto rock, il palco bellissimo, luci, video…
E si va avanti, da un certo punto sotto la pioggia, e succede tutto… Le canzoni sue più belle, le canzoni di altri che interpretate da lei hanno sempre quel qualcosa in più (per i pausiniani ovvio), i cambi d’abito, Tiziano Ferro… Benedetta passione con la breve imitazione di Vasco, La isla bonita, Vivimi da lacrime, Due innamorati come noi in portoghese splendida…
L’immancabile Solitudine, Strani Amori, ci sono tutte… Resta in ascolto (con il ricordo del Grammy, la voglia di condividere il premio con noi, e qualche ‘fanculo’ che era rimasto li, e che da una soddisfazione enorme detto davanti a 70.000 persone), Parlami, In assenza di te… Disparame dispara, Cinque giorni, Destinazione paradiso… Anche favola di Eros…

Una storia che vale con il ritornello urlato con lei, da tutti noi… Per almeno 6 minuti, e avremmo voluto fossero 10, fossero interminabili…

Poi, in una serata che sembra davvero un sogno, Lauretta, si, quella piccolissima ragazza che vinse Sanremo, ora la piccola è arrivata sul palco di San Siro… Poi, dicevo, senti una donna di 33 anni, che ha raggiunto le vette più alte del successo, che ha venduto milioni di dischi, che arriva alla fine, e non ce la fa per l’emozione a cantare per intero uno dei suoi cavalli di battaglia, Incancellabile, che condivide il suo successo con i suoi fan, e che chiede ai suoi fan di non lasciarla mai, sotto l’acqua, dopo due ore di concerto intense…

Personalmente c’erano le lacrime agli occhi, ma credo che tutti e 70.000 avremmo voluto essere li sul palco con lei in quel momento a dirle che di sicuro saremmo stati sempre li…


La conosciamo, noi fans, lo sappiamo che lei è cosi, che è una persona vera, sincera, genuina, insomma, una gran persona… Però quando te la trovi cosi su un palco, QUEL palco, e quando sei con tutta quella gente… Bhè l’emozione è forte, ed è durata per tutto il concerto, e ringraziamo Laura di questo… Di aver cantato sotto la pioggia, di non averci deluso (e mai abbiamo pensato potesse accadere), di averci emozionato, di essere stata, come sempre, anche a San Siro, una di noi, tra noi mentre era li su quel palco, a prendersi il trionfo che merita…

Perchè è questo che Laura ha in più, oltre alla sua stupenda voce. Lei è una di noi sempre, lo era sul palco di Sanremo, lo è stata alla premiazione del Grammy, lo è stata in qualsiasi sua esibizione, fino alla più importante, lo è stata anche su quel palco, che fa tremare le gambe, a San Siro, in mezzo ai suoi 70.000…

Scaletta
1 Io canto
2 Gente
3 Destinazione paradiso
4 E ritorno da te
5 Medley
– dove sei
– mi libre cancion
– come il sole all’improvviso (in francese)
– benedetta passione (unico vasco della serata)
6 La solitudine
7 Ascolta il tuo cuore
8 La prospettiva di me / Parlami
9 Viveme/Vivimi
10 Tra te e il mare
11 Un’emergenza d’amore
12 Disparame dispara
13 Medley
– prendo te
– lei
– cinque giorni
– strani amori
14 Resta in ascolto
15 Due
16 La isla bonita/ Mi banda toca el rock….
17 Non me lo so spiegare
18 Medley 3
– quando
– in assenza di te
– due innamorati come noi (portoghese)
– surrender…bellissimo nuovo arrangiamento acustico
– scrivimi
– Favola di eros….
19 Le cose che vivi
20 Una storia che vale
Bis
Come se non fosse stato mai amore
Incancellabile

Per chi le volesse vedere ecco le mie foto
PRIMA PARTE
SECONDA PARTE

Annunci




Windows Live Messenger 8.5 beta in italiano

3 06 2007

Vi segnalo i link dove ho trovato la versione di Windows Live Messenger 8.5 beta in spagnolo, con localizzazione in italiano, e forum da cui scaricare la versione di msn plus compatibile.

Windows Live Messenger 8.5 beta (in spagnolo)
File per localizzazione in italiano (da sostituire in C:\Programmi\Windows Live\Messenger)
(Fonte dei due download precedenti Tecnocino)
Msn Plus (compatibile con ver. 8.5) (Fonte Messenger Italia Forum)





Green My Apple

31 05 2007

Torno a parlarvi con piacere della campagna Green My Apple di Greenpeace, alla quale ho dato un piccolissimo contributo traducendo il sito in italiano (sito che ha avuto anche un importante riconoscimento).

Come i mac user sanno bene, tutte le pressioni arrivate da questa campagna hanno prodotto un bel risultato, se pensiamo alla risposta di Steve Jobs!

C’è stato un grandissimo contributo da parte di tantissimi utenti, e per questo Greenpeace International ha realizzato un video molto divertente che condivido qui con voi.

Nel video si vede anche un ragazzo che saluto tantissimo, Salvatore 🙂





Il futuro delle start up in Italia

31 05 2007

Partendo dall’acquisizione di Last.fm da parte di Cbs, anche Marco Montemagno affronta l’argomento delle start up in Italia e del loro destino, legandosi molto a quanto da me ascoltato alla conferenza di Pisa, del prof. Sangiovanni Vincentelli, di cui vi parlavo qualche post fa.





Messa al bando delle lampadine inefficienti

30 05 2007

Chiedo ai miei 10 lettori 🙂 come direbbe qualcuno, di inviare una mail tramite questo link, affinchè i nostri deputati al parlamento europeo sostengano e firmino la dichiarazione, promossa da alcuni europarlamentari, per la messa al bando delle lampadine inefficienti.

Ci vogliono pochi secondi, e si fa qualcosa di davvero importante… Il clima tropicale che in questi giorni ha investito l’Italia dovrebbe farci riflettere ancora di più sulla questione global warming, ed è incredibile pensare che anche un semplice gesto, quello di cambiare le lampadine tradizionali con quelle a risparmio energetico, può fare davvero tantissimo!!!

Inviate anche voi la mail, che potete personalizzare nel testo volendo.

GRAZIE!!!





Il FemCamp e il femminismo…

28 05 2007

Ho seguito purtroppo poco la diretta video di Robin Good, non potendomi recare personalmente al barcamp dedicato a donne e tecnologia…
Ho letto questa mattina molti commenti, e pensando ad un barcamp appositamente per donne geek la tentazione di pensare al concetto in chiave un po’ più ampia è stata irresistibile…
Perchè le donne tendono sempre a ‘ghettizzarsi’, o a parlare comunque di se stesse come se, ogni volta si intraprenda un’attività, ci sia sempre il confronto con i maschietti?
Insomma, mi chiedo, perchè le donne dovrebbero avere un rapporto con la tecnologia diverso da quello che hanno gli uomini?
Se l’è chiesto anche Delymyth, ma la mia conclusione in qualcosa differisce…
In ambito tecnologico credo anche io che sia stupido andare a differenziarsi, e pensare che le donne con la tecnologia abbiano un rapporto cosi diverso rispetto agli uomini…
Cambia l’approccio, perchè il modo in cui approcciamo le situazioni è diverso da quello degli uomini, ma è una differenza naturale, e per fortuna queste differenze esistono!

Quello che mi chiedo è: siamo però sicure di aver ottenuto la parità?
A me sembra ancora che non sia cosi, e per un semplice motivo.
Per avere la parità dovremmo partire alla pari, poi uomini e donne se la giocano su altri piani, anzi, sull’unico piano che secondo me dovrebbe esistere, e cioè il merito (mi riferisco ovviamente ad un ambito professionale).
Ma se ancora oggi le donne hanno le gambe tagliate dalla questione maternità, sicure di partire alle pari?
Purtroppo si viene ancora discriminate perchè la maternità viene vista come un peso, ed è un peso perchè a livello legislativo non è gestita, le donne sono costrette a scegliere, e quelle che optano per la maternità fanno i salti mortali…
Secondo me questa è l’ultima battaglia che da ancora senso al termine ‘femminismo’.
Si lo so, sono andata molto nel politico… Sorry, però la questione mi è venuta in mente cosi,atiche di questo tipo è pericolosa 😛





Shopping!

28 05 2007

Ebbene si, da donna fiera rappresentante del genere femminile quale sono, sabato, andando a fare la spesa all’IperCoop in un orario deprimente (perchè non ci sono tutte le varie presentatrici :P), e vale a dire le 12.30, non ho resistito…
La profumeria era cosi vuota… Di solito la coda mi fa resistere a una delle tentazioni che per me è assolutamente patologica, ma non c’era nessuno…

Quindi via di prove profumo!!! Avevo la testa che scoppiava a causa dell’eccessivo miscuglio di odori, ma alla fine l’ho trovato, buonissimo… E non ho resistito, l’ho comprato!
In momenti come questi mi dispiace che Internet ancora non permetta il passaggio dei profumi…
Il profumo in questione è Liberté di Cacharel, ed è davvero buonissimo… E’ in realtà un’eau de toilette, è fresco, dolce, insomma, troppo buono!

Il pomeriggio di shopping però non è terminato cosi, poiché sentendomi in colpa per l’acquisto poco utile alla mia crescita intellettuale, ho pensato bene di fermarmi anche in libreria, e ho comprato il nuovo libro di Gian antonio Stella e Sergio Rizzo, La Casta, il libro che a quanto pare scatenerà un putiferio nel mondo politico paragonabile a Tangentopoli…
LibertéGian Antonio Stella, Sergio Rizzo, La Casta