Studi di settore…

20 06 2007

Cerco di parlare il meno possibile di politica in questo blog, anche perché mi rendo conto di avere idee che a volte necessitano di una spiegazione, per non essere prese male e interpretate peggio…
Però questa polemica sugli studi di settore mi fa profondamente ridere, e anche molto incavolare…

In sostanza, e detto molto terra terra, se tu hai un’attività in proprio devi rispondere a questa specie di questionario, dichiarando praticamente tutto, dai consumi elettrici etc., e alla fine ottenere un risultato che è il tuo guadagno da quell’attività.
Questo risultato lo compari con quello che il governo ha previsto sia equo per il tuo tipo di attività.
Se dichiari di meno, e quindi dici che non è vero che quell’attività ti fa guadagnare quanto il governo pensa, scattano i controlli.

Cosa c’è che non va?
I guadagni previsti dal governo sono troppo alti…
E quindi? Partiranno i controlli se io ho dichiarato di meno, e quindi controlleranno quello che vogliono ma io tanto sono in regola…
Oppure no?
Ah, ecco il vero problema…

C’è uno strumento che ci permette di scovare gli evasori fiscali, personaggi che obbligano la gente onesta a pagare più tasse per coprire le loro evasioni, e non va bene, anzi, dovremmo adeguarlo affinchè scopra meno evasori…

Questo paese a volte penso si stia cercando di autodistruggere in tutti i modi…
E quando sento dire “si ma tu non capisci, in Italia rubano tutti, chi può ruba, con una legge del genere colpisci il piccolo commerciante che non fa lo scontrino…”
Posso anche capire, ma perchè il commerciante (che è secondo quel ragionamento un povero diavolo come me) non fa lo scontrino e io devo dichiarare fino all’ultimo centesimo di euro perché fatturo anche l’aria che respiro?

Annunci




Tentar non nuoce

18 06 2007

Ebbene si, partecipo anche io al al super mega contest di GeekIssimo, che regala un Nokia N95!

Se ne parla qui

Nokia N95 GeekIssimo Contest





Informarsi via web

18 06 2007

In questo fine settimana ho cercato di staccarmi un po’ dal computer, quindi dal blog, dai vari im, da Twitter, da Google Reader… Insomma, ho cercato di disintossicarmi un po’, di tornare a quella che era la mia vita pre-web

L’impatto non è stato traumatico, anzi, è stato piacevole sentirsi per un po’ indipendenti dal mezzo elettronico e sentire che comunque la vita va avanti lo stesso 😛

Quello che però mi è mancato davvero è stato un servizio che il pc o il mac mi offrono quotidianamente: le notizie…
Scrivo questo grazie a una vignetta pubblicata da Catepol , questa

Bloggers e il Main Stream
Rappresenta esattamente quello che ho pensato informandomi solo tramite televisione o radio… Ma dove sono l’obiettività, i diversi punti di vista… Ma possibile che le notizie di oggi siano solo queste??? Possibile che si dia cosi tanto spazio alla fine della Liga spagnola e al Real Madrid? Ma al mondo non c’è altro di importante? Fatti da raccontare?

Ecco, la mia vita digitale mi è mancata soprattutto per questo… Ho avuto la costante sensazione di non sapere, di non poter sapere… Sapevo dove andare a prendere le informazioni, ma non capivo perchè i c.d. main stream certe cose non le dicessero…

Bentornato Google Reader, mi sei tanto tanto mancato…





Consiglio: connessione internet in viaggio

11 06 2007

Sfrutto il blog a uso privatistico (che poi è mio, ops, quindi no problem :P) per chiedere una informazione ai miei “dieci lettori” come disse qualcuno 🙂

Sto organizzandomi le vacanze, e di sicuro una tappa sarà in un paese pugliese sperduto, nel quale a mala pena prendono i cellulari, e nel quale ovviamente dove alloggerò internet nemmeno sanno cos’è… Qualcuno sa suggerirmi qualche alternativa per collegarmi in qualche modo? Meglio se non necessariamente dipendente da cellulare…

Grazie!





G8 act now!!!

7 06 2007

Sono in molti a chiedere al G8 di iniziare seriamente ad attivarsi contro il global warming e i conseguenti cambiamenti climatici…

Greenpeace @ G8
Non potevano mancare gli attivisti di Greenpeace, che in 24, con 11 gommoni, hanno tentato di raggiungere la spiaggia di Helingendam, per fare pressione sui potenti del mondo li riuniti.
3 attivisti sono rimasti feriti e due gommini tamponati.

Ricordiamoci che i paesi del G8 sono responsabili dell’80% delle emissioni storiche di gas serra, e producono attualmente il 40% di Co2.

Consideriamo anche che la Merkel, Prodi, e Barroso considerano questo tipo di accordo raggiunto
il testo stabilisce che la nuova cornice per la lotta al cambiamento climatico, il dopo Protocollo di Kyoto, dovra’ essere definita entro il 2009 e dovra’ essere assunta sotto l’ombrello Onu
un grande successo…

Purtroppo il mondo non può più aspettare ora, figuriamoci nel 2009…
Ma fate pure con calma…





Ancora… Twitter…

7 06 2007

Ancora Twitter con qualche problemino… Aggiornamenti in corso… Sperem

Twitter Home Page NOW





Laura a San Siro…

4 06 2007

Quando vai al concerto di un’artista che conosci bene, che segui da anni, che apprezzi e ammiri dall’inizio della carriera, pensi che in fin dei conti sai quello a cui stai andando incontro…
Poi ci pensi meglio, e immagini, mentre sei in macchina verso San Siro: pensi che sarete in 70.000, che ci sarà un palco enorme, che tu a San Siro hai visto altri, hai visto in ultimo gli immensi, gli U2, e ti chiedi…

Laura a San Siro? Un sogno, chissà come andrà… Poi piove, e ti fai venire tutti i dubbi che Lauretta stessa ha condiviso con i suoi fan tramite il suo forum… Pioverà, magari in molti non verranno, o si dovrà interrompere il concerto…

Però dura poco, perché appena metti piede a San Siro, vedi il palco, e ci immagini Laura sopra, ogni dubbio sparisce: Laura un palco cosi non solo lo regge, non solo lo distrugge, perché lei live è immensa, ma in tutto questo stadio non ci sarà un posto vuoto. E te ne convinci perché ti rendi conto in quel momento che sarà un evento, perché dal terzo anello senti già i cori, e sono solo le 5… Perché vedi gli striscioni, e senti che c’è tensione tra chi Laura la segue da anni, e vede quel traguardo come un po’ anche suo… Dopo anni in cui l’essere Pausiniani ha esposto a critiche, a prese in giro… Però intanto a San Siro c’è lei, e sarà pieno, e quando inizierà a cantare ci sarà un gran botto, si che ci sarà…

Passano le ore, aspettando, con la pioggia che va e viene, e lo stadio che si riempe. Tommy Vee fa passare un po’ di tempo piacevolmente, e si cerca di immaginare l’inizio, e soprattutto si spera sul versante meteo, nel prato sono già lavati alle 8…

Si inizia con i riti degli ultimi minuti, parte la ola, al primo, al secondo e al terzo anello, una, due, tre volte, e ancora.
Poi alle 9.10 passa un elicottero sopra lo stadio, ha smesso di piovere, la band si schiera, e si aspetta con ansia…
Puntualissima alle 9.15 Laura salta fuori con l’effetto ascensore, e, sulle note di Io Canto arriva il botto, eccome se arriva…

Dedica il suo concerto alla nonna, alla sua fan Antonella, cosi barbaramente uccisa, alle donne che hanno due palle cosi, perché su quel palco sente tutta la responsabilità di essere la prima donna a cantare in uno stadio, di essere italiana, e sa che quel concerto lo vedranno nel mondo…

Lauretta è scatenata, però anche emozionata, in fondo è sempre San Siro, e subito vuole sentire le nostre voci, e tutti e 70.000 rispondono… Il look è molto rock, il palco bellissimo, luci, video…
E si va avanti, da un certo punto sotto la pioggia, e succede tutto… Le canzoni sue più belle, le canzoni di altri che interpretate da lei hanno sempre quel qualcosa in più (per i pausiniani ovvio), i cambi d’abito, Tiziano Ferro… Benedetta passione con la breve imitazione di Vasco, La isla bonita, Vivimi da lacrime, Due innamorati come noi in portoghese splendida…
L’immancabile Solitudine, Strani Amori, ci sono tutte… Resta in ascolto (con il ricordo del Grammy, la voglia di condividere il premio con noi, e qualche ‘fanculo’ che era rimasto li, e che da una soddisfazione enorme detto davanti a 70.000 persone), Parlami, In assenza di te… Disparame dispara, Cinque giorni, Destinazione paradiso… Anche favola di Eros…

Una storia che vale con il ritornello urlato con lei, da tutti noi… Per almeno 6 minuti, e avremmo voluto fossero 10, fossero interminabili…

Poi, in una serata che sembra davvero un sogno, Lauretta, si, quella piccolissima ragazza che vinse Sanremo, ora la piccola è arrivata sul palco di San Siro… Poi, dicevo, senti una donna di 33 anni, che ha raggiunto le vette più alte del successo, che ha venduto milioni di dischi, che arriva alla fine, e non ce la fa per l’emozione a cantare per intero uno dei suoi cavalli di battaglia, Incancellabile, che condivide il suo successo con i suoi fan, e che chiede ai suoi fan di non lasciarla mai, sotto l’acqua, dopo due ore di concerto intense…

Personalmente c’erano le lacrime agli occhi, ma credo che tutti e 70.000 avremmo voluto essere li sul palco con lei in quel momento a dirle che di sicuro saremmo stati sempre li…


La conosciamo, noi fans, lo sappiamo che lei è cosi, che è una persona vera, sincera, genuina, insomma, una gran persona… Però quando te la trovi cosi su un palco, QUEL palco, e quando sei con tutta quella gente… Bhè l’emozione è forte, ed è durata per tutto il concerto, e ringraziamo Laura di questo… Di aver cantato sotto la pioggia, di non averci deluso (e mai abbiamo pensato potesse accadere), di averci emozionato, di essere stata, come sempre, anche a San Siro, una di noi, tra noi mentre era li su quel palco, a prendersi il trionfo che merita…

Perchè è questo che Laura ha in più, oltre alla sua stupenda voce. Lei è una di noi sempre, lo era sul palco di Sanremo, lo è stata alla premiazione del Grammy, lo è stata in qualsiasi sua esibizione, fino alla più importante, lo è stata anche su quel palco, che fa tremare le gambe, a San Siro, in mezzo ai suoi 70.000…

Scaletta
1 Io canto
2 Gente
3 Destinazione paradiso
4 E ritorno da te
5 Medley
– dove sei
– mi libre cancion
– come il sole all’improvviso (in francese)
– benedetta passione (unico vasco della serata)
6 La solitudine
7 Ascolta il tuo cuore
8 La prospettiva di me / Parlami
9 Viveme/Vivimi
10 Tra te e il mare
11 Un’emergenza d’amore
12 Disparame dispara
13 Medley
– prendo te
– lei
– cinque giorni
– strani amori
14 Resta in ascolto
15 Due
16 La isla bonita/ Mi banda toca el rock….
17 Non me lo so spiegare
18 Medley 3
– quando
– in assenza di te
– due innamorati come noi (portoghese)
– surrender…bellissimo nuovo arrangiamento acustico
– scrivimi
– Favola di eros….
19 Le cose che vivi
20 Una storia che vale
Bis
Come se non fosse stato mai amore
Incancellabile

Per chi le volesse vedere ecco le mie foto
PRIMA PARTE
SECONDA PARTE